Verifica a compressione muratura per carichi concentrati

Le NTC08 al punto 4.5.6.2 inseriscono tra le verifiche agli SLU da effettuare quella per carichi concentrati rimandando a normative di comprovata validità. In questo articolo vedremo come effettuare questa verifica secondo l’Eurocodice 6: progettazione delle strutture in muratura.



La verifica è soddisfatta se risulta:
con



Dove:
- NEdc è il valore di progetto del carico concentrato;
- NRdc è la resistenza di progetto
- Ab è l’area d’appoggio del carico concentrato:
b è un coefficiente di amplificazione per i carichi concentrati (tra 1 e 1,5);
fd è la resistenza di progetto a compressione della muraura.
image
Dove:

- x vale 2a1/H e comunque non maggiore di 1,0;
- a1 è la distanza dalla fine della parete del bordo più vicino all’impronta del carico;
- H è l’altezza della parete al livello del carico;
- Ab è l’area di impronta del carico;
- Aef è l’area effettiva della parete che vale t*lef e comunque non maggiore di 2,2Ab;
- t è lo spessore della parete;
lef è la lunghezza effettiva determinata a metà altezza della parete (vedere l’immagine sottostante);
carico puntuale muratura
calcolo della lunghezza effettiva



Per effettuare questa verifica è possibile scaricare il foglio di calcolo Carico concentrato muratura.



A presto, Braian

Altri post che potrebbero interessarti



3 commenti:

  1. Buongiorno,
    mi chiamo Luca, sono un ingegnere neolaureato e ho letto il post con molto interesse. Vorrei sapere se l'eurocodice prevede una verifica anche nel caso di carichi concentrati a breve distanza gli uni dagli altri (ad esempio nel caso di un solaio con travetti in legno ad interasse 80/90 cm).

    Grazie e buon lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luca, non mi sembra che l'Eurocodice lo richieda esplicitamente, alla fine uno può utilizzare questa verifica prendendo come riferimento il profilo/travicello più sollecitato.

      Elimina
  2. Hallo everybody,
    bel sito, ben fatto e interessante..complimenti!
    non so se il post è ancora attivo vista la data di publicazione..anyway.. io ci provo lo stesso..
    Sto verificando un'architrave e cercare di dimensionare la lunghezza di appoggio sulla spalla di muratura adiacente.. Domanda. ma nel verificare la muratura, oltre al carico di punta trasmesso dalla trave non dovrei sommare anche il carico che la muratura già prende dai piani sovrastanti dell'edificio? E cioè: non dovrebbe essere Nedc = reazione architrave + peso preesistente della muratura sovrastante la spalla??

    grazie cmq

    Ben

    RispondiElimina