Le pareti estese debolmente armate


Le Norme Tecniche delle Costruzioni nel capito 7.4.3.1 parlano della tipologia strutturale a “pareti estese debolmente armate” in maniera sicuramente poco chiara. In questo articolo cercheremo di fare un piccolo riassunto della norma per capire meglio di cosa si tratta.


Premessa
Una struttura a “pareti estese debolmente armate” può essere costituita, oltre che da pareti estese debolmente armate, anche da pilastri e altre pareti duttili nella direzione orizzontale di interesse. La verifica di calcolo delle pareti estese debolmente armate vanno fatte considerando che le stesse sono pareti a tutti gli effetti ma non vanno considerate come pareti duttili.



Definizioni [7.4.3.1 e nota 4]
Rientrano nella definizione di parete gli elementi con il rapporto L / B maggiore di 4 dove L e B sono rispettivamente la lunghezza e la base della sezione dell’elemento.
Una struttura a pareti è da considerarsi come struttura a pareti estese debolmente armate se rispetta le seguenti condizioni:
- T ≤ TC , con T periodo fondamentale della struttura nella direzione orizzontale d’interesse;
- comprende almeno due pareti con una dimensione orizzontale non inferiore al minimo tra   4,0m ed i 2/3 della loro altezza;
- le pareti estese debolmente armate devono portare, in condizione sismica, almeno il 20% dei carichi verticali.


Limitazioni geometriche [7.4.6.1.4]
- Bw = min (15 cm ; 0.05 H ) dove H è l'altezza della parete.
Possono derogare da dette limitazioni le strutture a funzionamento scatolare con max 1 piano fuori terra e non destinate a civile abitazione.

Limitazioni di armatura [4.1.11-7.4.6.2.4-7.4.3.1]
- Quantità media acciaio per metro cubo maggiore di 0,3 KN/mc.
- Disposizione armatura verticale ed orizzontale su entrambe le facce. 
fmax  = B/10, diametro massimo armatura verticale e orizzontale.
- smax=30cm , interasse massimo barre verticali e orizzontali.
- Minimo 9 legature per mq.
- Rapporto minimo di armatura orizzontale e verticale rmin=0.2%.
- Non sono da rispettare Zone Confinate (LC) e Altezza Critica (HCR).


Fattore di struttura [7.4.3]
- Progettazione in CD”B”.
- q = q0 x KR x KW
- q0 = 3
- KR = 1 ,oppure 0.8 nel caso di strutture non regolari in altezza.
- KW = (1+a0) / 3, e comunque 0.5 <KW <1.
a0 = H / L medio


Sollecitazioni di calcolo
- Sforzo Normale NEd e Momento Flettente MEd derivanti da modello di calcolo.
- Ti = TEd (q+1) / 2  [7.4.4.5.1]
dove:
- q = Fattore di Struttura
- Ti =Taglio di Piano



Tra i vari requisiti per poter definire una struttura “pareti estese debolmente armate" risulta spesso difficile da rispettare quello che chiede che, in condizione sismica, le pareti estese debolmente armate portino almeno il 20% dei carichi verticali. Basta pensare ad una struttura scatolare ad un piano con solai unidirezionali, il requisito risulterà verificato solo su un lato.


In questi si può pensare di progettare con fattore di struttura unitario.



Riferimenti:

Altri post che potrebbero interessarti



7 commenti:

  1. grazie, era proprio quello che cercavo. Daniele :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniele, figurati... è questo lo scopo del blog!

      Elimina
  2. Salve, esistono dei software per calcolare strutture estese debolmente armate il programma della acca che ho io non riesce a calcolarle, mi imposta come normativa quella delle pareti in CA, passo 25cm e diam minimo 12mm. grazie in anticipo!

    RispondiElimina
  3. Buongiorno Raffaele, io non sono a conoscenza di programmi che lo permettono (ammetto però di non essermi interessato alla cosa). Le volte che mi è capitato di progettare con pareti estese debolmente armate mi sono arrangiato.

    RispondiElimina
  4. ok grazie... forse ne ho trovato uno adatto nel frattempo... ne parlano quì: http://www.ingegneriasismicaitaliana.com/it/11/news/617/software-per-il-progetto-di-strutture-con-pareti-debolmente-armate/#title
    saluti!

    RispondiElimina
  5. salve vorrei porvi una domanda gentilmente....vivo in una casa costruita con blocchi isotex e ho un problema grosso:la muffa....avete consigli?grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno, i casseri in legno cemento dovrebbero avere caratteristiche ottime in quanto ad isolamento. Premetto che non sono esperto di questa materia però prima di poter capire come intervenire bisognerebbe analizzare il problema per capire da cosa deriva.

      Il mio consiglio è quello di interpellare un esperto di zona, un professionista o un tecnico di un impresa specializzata, che con un sopralluogo riescano ad inquadrare il problema.

      Saluti, Braian

      Elimina